VÍZÖNTO´´

Venerdě 12 agosto 2016 ore 21.00 - Trento 
Giardino S. Chiara

    

Ungheria

Nella storia del folk revival ungherese i Vízönto’’ (lett. acquario) appartengono ad una fase aurea, iniziata circa quarant’anni fa, che ha visto l’affermazione a livello internazionale di ensemble fondamentali come Muszikas, Kolinda, Vuijcics, Zaratnok, Makam e altri. Ospiti di Itinerari Folk nella prima edizione del 1988, all’apice del loro successo, la loro esibizione destň un’enorme impressione per il linguaggio moderno e sperimentale con cui affrontavano i repertori tradizionali. La ricchezza di suggestioni e di sonoritŕ, legata al carisma dei musicisti ma anche alla particolare strumentazione etnica, rendeva unici i live act del gruppo di Budapest. E anche le produzioni discografiche del quartetto hanno lasciato un segno indelebile, confermando l’opinione che l’opera dei Vízönto’’ ha precorso i tempi, anticipando l’avvento della world music. Oggi la nuova formazione guidata dal violinista Janos Hasur, che in Italia si č fatto una solida reputazione come solista di grande levatura e come collaboratore di Moni Ovadia per oltre dieci anni, continua a riprodurre lo stile inconfondibile e il repertorio originale del gruppo, contenuto in oltre dieci registrazioni. La serata ci offre anche un momento gastronomico, con un piatto tipico ungherese preparato proprio dal leader del gruppo Janos Hasur che da tempo coniuga cibo e musica tradizionali.

Line-up
Janos Hasur: violino, violino ottavo, viola, voce
Géza Fabri: voce, chitarra, kobsa, tamboura, ud
Béla Agoston: cornamusa, clarinetti, flauti popolari,
flauto traverso, fujara ,voce, percussioni
Tamŕs Vŕlyi Nagy: contrabbasso, percussioni, fisarmonica, voce

torna indietro