ITINERARI FOLK FESTIVAL - XXII EDIZIONE 1-21 luglio 2009

Ice & Fire

Nuovi orizzonti e collaborazioni per il festival estivo che a Trento da oltre due decenni esplora la musica etnica e di tradizione. Nel calendario 2009 si contano quattordici concerti, in un percorso a tappe che ha l’obiettivo di aggiungere, ogni anno, nuovi stimoli e punti di vista. Ma ci sono anche sei serate a base di cinema documentaristico, filmati preziosi che offrono informazioni e spunti di riflessione non facilmente accessibili. Per questo in particolare è doveroso il ringraziamento per la collaborazione a Religion Today, Cinformi, Associazione Multi Culti, Chinh India-Italia, Rai Tre bambini e ragazzi.

Per chi sa cogliere la ricchezza delle storie e dei percorsi artistici che presentiamo, il festival è veramente l’occasione per viaggiare verso i più lontani angoli del mondo: dai Paesi Baltici all’Africa, dal Mediterraneo alla Siberia, dagli Stati Uniti alla Mongolia, dalla Bulgaria all’India. La “scoperta” è che anche tra i popoli e le culture che vengono dal freddo, rappresentati dai gruppi finlandesi, russi e mongoli, risaltano la forza, l’energia, la passione.
In questo dualismo “Ice & Fire” ci pare che in qualche modo si ricompongano l’ambiente e lo spirito vitale della musica in ogni parte del pianeta, il rigore e la disciplina con la passione e l’impegno civile e culturale.

L’apertura e la chiusura del festival vedranno protagonisti due gruppi finlandesi, recentemente saliti alla ribalta della world music europea con produzioni discografiche di eccellenza e formidabili esibizioni live. Si tratta di “Sväng” un originale quartetto di armoniche a bocca che reinventa l’uso di questo piccolo strumento attraverso una qualità tecnica e un repertorio inusuale e di “Tsuumi Sound System”, formazione di culto che ha catturato l’attenzione anche del pubblico più giovane.

Rilevante è poi la presenza femminile che spinge il nostro sguardo verso l’Asia e l’Africa. Ci saranno le voci bulgare “Eva Quartet” e l’ensemble “Hulan” dalla Mongolia, con gli strumenti caratteristici di questa cultura ma anche con momenti di danza acrobatica ispirata all’iconografia religiosa. Grande attesa e curiosità per “Ayarkhaan” il trio di donne proveniente dalla Repubblica di Sakha, ovvero la regione russa della Yakutia, l’estremità più lontana dell’Asia, che testimoniano di una cultura fortemente improntata alla tolleranza e al rispetto della natura e musicalmente caratterizzata da una vocalità particolare, legata ad una spiritualità sciamanica. Ma non meno interessante si presenta il concerto di “Saba”, una splendida ragazza nata a Mogadiscio in Somalia, da madre etiope e padre italiano, che con un recente CD “Jidka-The Line” pubblicato da World Music Network (nda: una delle più importanti etichette del genere world) si è imposta a livello internazionale con un progetto che intreccia cultura africana ed europea.

Quattro appuntamenti sono dedicati al nostro paese:“Enerbia” ovvero una nuova sintesi dei canti e delle danze dell’Appennino piacentino con in primo piano il binomio piffero-fisarmonica; “Sancto Ianne”, ensemble del Sannio beneventano da taluni considerato l’erede della Nuova Compagnia di Canto Popolare; “Mascarimirì-Tradizionale”, un nuovo progetto sulla vocalità del gruppo salentino protagonista di quel prepotente fenomeno di rinascita di un interesse di massa per la pizzica; inoltre una graditissima presenza sarà quella di Otello Profazio, calabrese di Rende, classe 1934, chiamato il principe dei cantastorie, un monumento della canzone popolare meridionale e un testimone privilegiato fin dagli anni cinquanta di un pezzo di storia italiana.

Completano il cartellone il gruppo corso “Zamballarana”, un’intrigante proposta tra polifonia e musica mediterranea, la famiglia “Tekameli”, noti come i Gitani di Perpignan, che presentano il loro ultimo CD sui canti sacri della tradizione zingara ispano-francese e il musicista statunitense Bob Jones, un maestro del bluegrass la musica nata nel Tennessee ad opera di Bill Monroe.

Un’attenzione tutta particolare merita la serata del 12 luglio, realizzata con l’intervento dell’Assessorato provinciale alla solidarietà internazionale e alla convivenza e del Cinformi. Sul palcoscenico musicisti italiani del gruppo “Nuove Tribù Zulu” e musicisti indiani del Rajasthan in un progetto multimediale chiamato “Nomadic Orchestra of the World”, un viaggio di contaminazione alle sorgenti del popolo gitano, che rappresenta con colori ed emozioni intense e spettacolari una ideale sintesi del messaggio che da anni il festival promuove.
 

Tutti gli spettacoli avranno inizio alle ore 21.30 - INGRESSO LIBERO
I concerti che si tengono in piazza C. Battisti in caso di maltempo potranno essere spostati al Giardino S. Chiara

Consulenza artistica e testi
Mauro Odorizzi


visualizza il PROGRAMMA


Web designed by Nicola Odorizzi
Pagina aggiornata al mese di giugno 2009.