ORQUESTRA ÀRAB DE BARCELONA

Venerdì 7 luglio - Trento, Giardino S. Chiara

  

 
Marocco

Questo concerto è un po’ l’anello di congiunzione tra il festival dello scorso anno, che dalle Alpi ci ha portato attraverso i Pirenei fino in Catalogna, e il tema che viene trattato in questa edizione. L’Orquestra Arab de Barcelona è infatti un’ensemble di suonatori marocchini che vivono nella città spagnola affacciata sul Mediterraneo di fronte ai paesi del maghreb, una porta verso l’Africa. I musicisti che compongono la OAB provengono da differenti località del Marocco, ma anche da Grecia e Catalogna. Sono per la prima volta in Italia e presentano il loro primo disco “Báraka” (Temps Record, 2006), che significa magia, un lavoro raffinato e di grande qualità sia nelle parti vocali che strumentali. La magia a cui fa riferimento il titolo del disco è quella di certi luoghi, di certe persone e di certi oggetti, ma in qualche modo anche delle canzoni e della musica quando viene offerta all’ascoltatore con la grazia e il sentimento della OAB.

Il repertorio comprende oltre a temi tradizionali di tutto il mondo arabo, le composizioni di Mohamed Soulimane, splendido violinista, e di Ayoub Bout, cantante dalla voce ispirata e con una presenza scenica armoniosa e catalizzante.

Nelle melodie come nei testi delle canzoni, gli autori mettono in evidenza i temi della convivenza tra le differenti culture, della pace, del rispetto e della solidarietà tra le genti, e i valori della comprensione, della generosità e dell’amore universale. Messaggi di cui c’è tanta necessità oggi giorno, tanto più se arrivano da uomini che rappresentano il mondo arabo.  

Mohamed Soulimane, violino
Ayoub Bout, voce e oud
Abdelilah Tamsamani, percussioni e voce
Yannis Papaioannou, oud
Imad Edine Bikrani, tastiere
Mohammed el Ghazi, percussioni
Joan Rectoret, basso e contrabbasso

torna indietro