REALEJO (Portogallo)

real1.jpg (12896 byte)           real2.jpg (13787 byte)

Giovedì 1 luglio

Fondato a Coimbra nel 1990 da Fernando Meireles, musicista e liutaio, il gruppo Realejo ha sviluppato in questi anni un lavoro di ricerca e di recupero degli strumenti tipici della musica tradizionale portoghese, con particolare riguardo alla ghironda (sanfona) quasi completamente scomparsa in Portogallo durante il XIX secolo. A questo strumento affascinante e misterioso, che Meireles ha ricostruito con grande maestria a partire dalle figure dei presepi lusitani del sei e settecento, è dedicato il primo album del gruppo dal titolo "Sanfonia" (1995).

La proposta di Realejo è basata esclusivamente su materiale strumentale, che viene eseguito con arrangiamenti efficaci e di grande eleganza e dove il ruolo dei singoli, mai eccessivo, consente tuttavia ai musicisti di esprimere un livello tecnico sempre eccellente e in molti casi virtuosistico.

Il repertorio raccoglie motivi della tradizione regionale portoghese, soprattutto delle zone del Nord del paese, dell’Algarve e di Madeira. A ciò si aggiungono brani di area celtica e galega, nonché composizioni originali del gruppo, che si fondono con il patrimonio folclorico locale, con esiti di grande sensibilità interpretativa.

Nel secondo disco "Cenarios" (1997) l’orizzonte del gruppo si è ancora allargato fino ad integrare brani della Penguin Cafè Orchestra, che convivono perfettamente con i temi tradizionali e con motivi originali firmati da Amedeu Magalhaes, musicista determinante nel suono di Realejo.

Negli ultimi anni questa formazione ha suonato spesso all’estero, riscuotendo soprattutto in Francia e Inghilterra un incredibile successo.

Fernando Meireles: ghironda, bandolim, cavaquinho, ponteira e percussioni
Amadeu Magalhães: cornamusa, flauti, organetto, viola braguesa,ponteira, bandolim e cavaquinho
Miguel Veras: chitarre
Rui Barros: violoncello
António Sérgio: violino
Joaquim Teles: percussioni

torna indietro