AMELIA MUGE (Portogallo)

muge.jpg (37793 byte)

Sabato 10 luglio

E’ un universo sonoro molto particolare quello di Amélia Muge, un intreccio di antico e moderno, di popolare e di erudito, di musica portoghese e di musica del mondo. Con un approccio non convenzionale, ricco di idee e di autentica creatività, è riuscita a superare quell’immagine oleografica della cantante portoghese di fado, affermandosi come artista tra le più interessanti della nuova musica popolare portoghese degli anni novanta.

Nata in Mozambico, dopo gli studi classici di pianoforte, inizia una precoce carriera musicale con la sorella, che comprende concerti in varie regioni dell’Africa australe e la realizzazione di due dischi con materiale di propria composizione. Più tardi il suo interesse si rivolge alla poesia e al teatro, ottenendo riconoscimenti dalla critica: scrive la musica per i poemi di Camoes, Pessoa, Cesario Verde, Grabato Dias, Ramos Rosa, Zeca Afonso, Drummond de Andrade e di altri autori mozambicani, francesi, inglesi, galeghi, nonché di canzonieri popolari.

La consacrazione come solista è arrivata dopo un periodo di collaborazione con il grande chitarrista Julio Pereira. Tre le incisioni a suo nome, "Mugica" (1992), "Todos os Dias" (1994), "Taco a Taco" (1998), lavori di grande originalità vocale e strumentale.

Nel suo percorso tra tradizione e modernità Amélia Muge si è segnalata, in tutta Europa, per aver creato e partecipato a progetti di grande spessore culturale e spettacolare. Nel 1995 con un omaggio al repertorio del grande José Afonso; nel 1998 con lo spettacolo "Terras de Canto" assieme a Elena Ledda e Lucilla Galeazzi e infine con un evento, che diventerà a breve un album, organizzato nell’ambito dell’Expo 98 svoltosi a Lisbona, di incontro tra vocalità lusitana e le voci bulgare del Pirin Folk Ensemble.

Amélia Muge : voce, chitarra, viola braguesa
Antonio José Martins : piano, viola braguesa, percussioni
José Manuel David : flauti, tromba, gaita de foles, voce
Rui "Dudas" Pereira : chitarra
Yuri Daniel : contrabbasso
Joao Luis Lobo : percussioni

torna indietro